[day tips 01] oggi si gira un video per il “welcome message”: preparazione, luci e setting

In questo caso il video che abbiamo girato è quello di benvenuto, lo inseriamo nel “welcome message”: il contatto del profilo/cliente lo riceve 24/48 dopo che ha accettato il collegamento. Questa rappresenta una vera e propria automazione, che qualifica nel giusto modo la soddisfazione a ricevere il nuovo contatto nella propria rete ed esprime con il video un personalissimo benvenuto, durante il quale esprimere cosa aspettarsi in futuro dalla reciproca relazione, soprattutto il desiderio di dare un “valore” nel tempo, in modo personale e sincero.

Abbiamo portato per la ripresa le luci a anello, molto utili e pratiche perchè innanzitutto sono facili da trasportare nella loro borsa, anche a tracolla; la seconda cosa è che sono veramente pratiche da montare, con un cavalletto, si posiziona l’anello e si sistema il supporto per camera. Dico pratiche, perchè per un video di un paio di minuti in cui si è davanti la camera, riesce a dare luce sufficiente ed evitare anche il classico setting con le tre luci separate (due avanti in obbliquo e una di lato).

Abbiamo pianificato due o tre minuti di video. Può sembrare strano ma serve un’oretta da mettere in agenda; con il cliente/profilo si fanno almeno tre riprese utili per scegliere la migliore. Ma l’esperienza insegna che nonostante si usi il teleprompter per la lettura del testo, è normale che non si riesca ad essere fluidi da subito, soprattutto le prime volte.

Si invia il testo al teleprompter (utilizziamo anche la stessa tecnica con uno smartphone adeguato), accendiamo le luci, verifichiamo lo sfondo della stanza, se in piedi o seduti, microfono levalier, quello da giacca e ciack, si gira!

Per fortuna avevamo uno sfondo di una stanza studio ben arredata e ok per la ripresa; altrimenti avremmo dovuto usare il comodissimo green screen (una tecnica che si usa molto nel cinema di azione) con cui si registra il video con uno sfondo verde e poi in post produzione si monta uno sfondo con un’immagine qualsiasi, a scelta, come uno studio vero e proprio o un panorama urbano ad esempio.

E’ consigliabile arrivare alla ripresa già con il testo da utilizzare, scritto e corretto; risulta anche normale che, nonostante questo, la ripresa necessita di leggere prima qualche volta il testo. Quello che è accaduto in pratica è che sembra contino veramente solo le letture in fase di ripresa, sembra strano, ma le precedenti spesso è come non si facessero!

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.